Diventare trader: una guida per fare trading come un professionista nel breve termine

La professione di commerciante è un sogno che per alcuni è un sogno che diventa realtà. È una professione con un’immagine di successo e di ricchezza. Con tutto quello che si è visto e detto, soprattutto nel cinema degli anni ’90 – 2000, si potrebbe quasi credere che sia un lavoro facile dove fare soldi è un dato di fatto. Se a questo miraggio si aggiunge l’esplosione del numero di opportunità in questo settore di business su Internet per quasi 20 anni, che sembrano tutte più redditizie e miracolose l’una rispetto all’altra. Questo è il punto di riferimento per tutti i tipi di truffe. Tanto più per i profani che non sanno cosa significhi essere un commerciante. Sono appena stati attirati dalle sirene di colossali somme di denaro a portata di mano con pochi click.

In modo da essere meglio equipaggiati per affrontare questi rischi. In modo che sappiate cosa dovete fare per realizzare il vostro sogno commerciale. La nostra recensione vi parla dell’arte del commercio e del commercio online.

In cosa consiste un lavoro come trader?

Se dovessimo riassumere la diversità dei compiti, legati ai mercati finanziari, che un trader può svolgere, potremmo dire che ci sono 2 tipi principali di investitori:

  • coloro che lavorano per i singoli clienti
  • coloro che lavorano per le banche

diventare un commerciante

Per quanto riguarda la prima categoria, questi operatori sono in un certo senso i “grossisti” dei mercati finanziari. Sono loro a fornire la liquidità nelle varie borse. Offrono prodotti ai loro clienti ad un certo prezzo di vendita e li scambiano per rivenderli ad un prezzo più alto. La loro remunerazione deriva in gran parte dallo scarto tra il prezzo di vendita e quello di acquisto. Questi trader sono spesso specializzati in un’unica area per una maggiore performance: forex, azioni, obbligazioni, ecc. La loro missione non è quella di correre rischi facendo trading con il denaro dei loro clienti.

I prop trader (che fanno trading proprietario), invece, speculano con il denaro delle banche. Il loro obiettivo è ovviamente quello di fare investimenti finanziari succosi e rischiosi, in modo che le banche possano realizzare profitti extra. Sono questi operatori che erano sotto i riflettori durante lo scandalo dei subprime o Jérôme Kerviel nel caso della Société Générale. Sono specialisti in investimenti ad alto rendimento che gestiscono grandi volumi di denaro.

Quanto guadagna un trader?

In Italia c’è un tabù sul denaro. Soprattutto quando si parla di redditi elevati. Gli investitori professionali sono una di quelle professioni che, in linea di principio e secondo le credenze popolari, guadagnano molto. Anche quando iniziano la loro carriera. Qual è la situazione reale?

Sono stati condotti diversi studi incrociati con lavori di junior trader con meno di 10 anni di esperienza. Le statistiche mostrano che guadagnano in media circa 30.000 euro all’anno, esclusi i bonus. Questa variabile è davvero difficile da valutare in quanto dipende da una serie di fattori legati principalmente all’azienda per cui lavorano. Ma con questi bonus di performance, i loro stipendi possono arrivare fino a 100.000€ all’anno.

era più facile ottenere informazioni sul livello di reddito di un senior trader. Nel 2019 è stato valutato con certezza lo stipendio del trader. In media un trader professionista con una lunga carriera guadagna in media 297.000 euro all’anno, inclusi i bonus.

Gli stipendi qui citati sono quelli dei professionisti che sono stati formati per diventare commercianti. Spesso provenienti da corsi di istruzione superiore che hanno scelto di lavorare per una società specializzata in High Finance (gestione di fondi pensione, patrimonio, fondi previdenziali, ecc.) o laureati che hanno deciso di diventare commercianti indipendenti gestendo il proprio portafoglio di attività.

Come si può imparare a fare trading?

Come diventare un trader professionista? Ci sono, naturalmente, diversi metodi per imparare il commercio. Sono suddivise tra loro con approcci più o meno generali o specializzati a seconda degli obiettivi e del contesto di apprendimento. Presenteremo le 3 aree principali della formazione dei commercianti: istruzione superiore, formazione privata, autoapprendimento.

Quale studio per diventare trader?

Ci sono 3 tipi di istruzione superiore per ottenere un lavoro da commerciante: scuole di commercio, scuole di ingegneria e università che offrono un programma di studi orientato alla finanza. Qualunque sia l’approccio scelto, sono necessari almeno 5 anni dopo la maturità per ottenere il diploma (Bac 5). I corsi di istruzione superiore sono spesso seguiti da un diploma post-laurea in finanza, spesso con un tirocinio pratico in un’azienda del settore: sala di negoziazione, mercato dei cambi, operatore alla Borsa di Parigi, ecc…

Poiché il trading è un’attività incentrata sugli scambi internazionali, si raccomanda vivamente di padroneggiare diverse lingue straniere, con l’inglese commerciale in cima alla lista, naturalmente. Aggiungiamo, per coloro che desiderano avventurarsi in un ambiente di front office, dopo la laurea in finanza, una solida base in matematica più esperienza sia in banca che in borsa sono fortemente consigliati per un’integrazione non traumatica.

In Italia, le business school che offrono questa formazione orientata alla finanza borsistica sono HEC (Haute Ecole de Commerce di Parigi), EDHEC (Ecole Des Hautes Etudes Commerciales di Lille, Nizza e Parigi) e ESSEC (École Supérieure des Sciences Economiques et Commerciales di Cergy).

Le scuole di ingegneria che formano i commercianti di domani si trovano tutte a Parigi con Politecnico, Centrale e Ponts ParisTech. Sono noti per la formazione dell’élite delle alte istituzioni finanziarie che integrano le funzioni più prestigiose nelle grandi aziende o nello Stato.

Le università parigine Paris Dauphine e Pierre e Marie Curie (Campus Paris 6) offrono ai loro studenti corsi di commercio applicato con una buona reputazione.

Le denominazioni esistenti sono varie

  • diploma di scuola aziendale o di management con specializzazione in finanza
  • diploma IEP in finanza
  • diploma di scuola di ingegneria con formazione supplementare in finanza
  • master professionali: banche, matematica, statistica, ecc.
  • master specializzato in finanza

Si impara a speculare, a mantenere la calma, a gestire prodotti volatili e a fare analisi grafiche per essere redditizi e vincere sul mercato azionario.

Corsi di formazione alternativi

Purtroppo non possiamo unirci tutti a queste famose scuole superiori per diventare commercianti. Ci sono molte alternative private per ricevere una solida formazione in materia di investimenti in borsa e per ottenere il diploma di commerciante coronato da un lavoro sul campo.

Le scuole private o i centri di formazione hanno ampliato i loro corsi per soddisfare la grande richiesta. Come i loro cugini, queste scuole non hanno una reputazione internazionale, ma forniscono una formazione di alta qualità, spesso guidata da professionisti (o ex esperti) del settore. Ciò conferisce una dimensione pratica e realistica alle situazioni che un trader deve affrontare ogni giorno

Questo tipo di istituto ha anche il vantaggio di essere presente in gran parte del territorio nazionale (soprattutto nelle grandi città studentesche) e permette l’integrazione di studenti provenienti da contesti molto diversi: riqualificazione, reinserimento, ripresa degli studi dopo una prima carriera professionale. La maggior parte dei diplomi rilasciati sono riconosciuti dallo Stato (e quindi dalle aziende).

È anche possibile accettare un lavoro in una banca o in un istituto finanziario e poi trasferirsi internamente. I gruppi internazionali rappresentano grandi opportunità di questo tipo

Per chi cerca lavoro, se la carriera di commerciante vi stimola, dovreste contattare la vostra agenzia locale per conoscere un corso di formazione per chi cerca lavoro nel settore dell’occupazione, i cui costi possono essere interamente o parzialmente coperti come parte del vostro supporto al ritorno al lavoro, in parallelo con la vostra retribuzione.

Formazione autodidatta

È possibile diventare commercianti senza diploma? La risposta è sì. A certe condizioni

Internet è una fonte infinita di informazioni. E’ quindi possibile apprendere le basi del trading sfogliando articoli specializzati, blog di esperti o altri video tutorial che spiegano la complessa meccanica dei mercati finanziari. È quindi imperativo essere pazienti, curiosi e umili per sperare di progredire. Se il vostro obiettivo è quello di diventare un trader indipendente o un trader a domicilio, dovrete essere sicuri della vostra capacità di gestire serenamente il vostro portafoglio di attività nonostante lo stress causato dal vostro nuovo lavoro. Comprendere la psicologia del commerciante è un punto essenziale per sperare di avere successo da soli.

L’altro punto di vigilanza è la fonte (o le fonti) che verrà utilizzata per addestrarvi. Senza conoscenze di base è molto difficile distinguere tra dati rilevanti e favole digitali. Inoltre, in vista della vostra attività futura, naturalmente orientata al trading online su una piattaforma specifica, vi consigliamo di affidarvi ad un broker regolamentato. Vale a dire che ha ricevuto tutte le certificazioni dell’AMF (Autorité des Marchés Financiers), il che è una garanzia di affidabilità

Il vantaggio principale è che questo broker facilita l’accesso a un gran numero di strumenti finanziari. L’interfaccia di elaborazione è molto spesso ottimizzata per transazioni finanziarie veloci e sicure. Le commissioni sono relativamente basse. Lavorate solo per voi stessi, senza la pressione dei clienti. Un broker regolamentato, come ad esempio eToro o IQ Option, ad esempio, ha un interesse a che voi siate ben addestrati – e quindi competitivi – in quanto vengono pagati principalmente sulle vostre transazioni. Migliore è la gestione del portafoglio, maggiore è il capitale che si accumula. Questo significa che si aprono più posizioni.

La formazione autodidatta tramite un broker ruota intorno a webinar, trading dal vivo, articoli di esperti e sessioni per decifrare i grafici del mercato azionario e le notizie. A poco a poco, integrerete i livelli più alti di conoscenza per progredire sempre.

Il nostro trucco è, quando offerto dai broker, provare a fare trading sul mercato azionario in condizioni reali con un conto di trading demo.

E la carriera in tutto questo?

Abbiamo risposto a diverse domande: come diventare un trader professionista? Come diventare un trader individuale? Anche diventare un commerciante a domicilio? I metodi per seguire la formazione di un trader sono molteplici e variegati. Il loro obiettivo è lo stesso: imparare a commerciare per guadagnarsi da vivere. Ma il lavoro di commerciante presenta un piano di carriera?

diventare un commerciante

Questo pensiero è orientato principalmente verso tutti i laureati che finiscono per entrare in banca o in un istituto finanziario come dipendenti nella maggior parte dei casi. Abbiamo accennato in precedenza alla possibilità di fare tirocini come parte del loro corso di istruzione superiore. Spesso si tratta di un’opportunità per scoprire la posizione di assistant trader e per seguire i compiti svolti da un senior trader. Quando questo stage diventa un lavoro, lo studente viene assunto come junior trader con un portafoglio limitato e transazioni a rischio limitato. Durante questo periodo si specializzerà sicuramente in un campo particolare: valute, azioni, buoni del tesoro, materie prime, ecc. Può anche diventare un Market Maker essendo molto presente sui mercati con una politica commerciale competitiva. Viene anche chiamato operatore di mercato.

Dopo qualche altro anno, in qualità di senior trader, può passare a professioni finanziarie come portfolio manager (cliente o società), tesoriere aziendale o analista finanziario, ad esempio. La sua esperienza può condurlo ad una posizione di back office per garantire che gli ordini, la loro raccolta o la dimensione legale siano gestiti in modo adeguato. Si tratta piuttosto di una posizione di supervisore finanziario con varie missioni.

Dal canto loro, i commercianti indipendenti possono costruire la propria attività sviluppando prima il proprio patrimonio costruendo una solida base di capitale. Questo si chiama investimento per conto proprio. Poi sviluppando un portafoglio clienti con l’offerta di servizi specifici: patrimonio, piani previdenziali, fondi privati, ecc. Questa è un’opportunità per loro di incrementare i propri investimenti grazie a questo afflusso di denaro, guadagnando al contempo commissioni sui profitti. Le strategie d’investimento a lungo termine sono spesso utilizzate per garantire il più possibile i fondi del cliente.

Infine, il principale percorso di carriera per i singoli trader è quello di sviluppare il proprio capitale personale per diventare finanziariamente autosufficienti. Diventare un libero professionista con la formazione necessaria, la determinazione e la curiosità vitale può essere un’opportunità unica per concedersi una nuova libertà professionale e finanziaria. La vigilanza è richiesta in ogni momento, sia per quanto riguarda i fornitori di servizi di cui si avvalgono, sia per la gestione emotiva di una tale professione in solitaria.

Trova gli altri nostri articoli per imparare a fare trading online: